Per nulla stanchi si è giunti a metà del cammino con la voglia di continuare a festeggiare Don Bosco con la gioia nel cuore.

Dopo la festa di ieri sera al Parco Ruffini, oggi il Palazzetto si è nuovamente riempito di 5000 colori, 5000 cuori che battono all’unisono all’insegna del LIKE WITH FOR. Sono stati i giovani dell’Ispettoria Meridionale, Kosovo, Albania e Zurigo a presentare alcune testimonianze di fede e vocazione portate da novizi e cooperatori salesiani , e soprattutto ad accogliere Don A.F. Artime, X successore di Don Bosco. Oggi si è parlato di FOR the young, per i giovani e il Rettor Maggiore ha parlato di speranza, futuro, salesianità, ha parlato di sogni “Sogno che nulla e nessuno soffochi o rubi i vostri sogni di bene, di bontà, di una umanità migliore. Sogno che i giovani salesiani nel mondo siano capaci di essere alternativa, di essere controculturali in ciò per cui è importante e necessario andare controcorrente. Sogno giovani che dato che pensano, e sono giusti e hanno un grande cuore, siano capaci di dire Si e dire No, con grande libertà”

E’ stato sempre Don Angel Fernandez Artime a celebrare la Santa Messa e nell’omelia ha ringraziato tutti i presenti “Stiamo vivendo un momento meraviglioso e speciale perché ognuno di voi è meraviglioso e speciale e mette il meglio di sè affinché tutto abbia un sapore diverso e ci permetta di sentirci vivi. Nel linguaggio salesiano la terra promessa sono i giovani, questa è la nostra terra promessa, qui e ora, e voi, a vostra volta dovrete essere guida per chi verrà dopo di voi, custodi e testimoni dei sogni della Famiglia Salesiana”

Nel pomeriggio ancora visite in città in attesa della serata quando verrà presentato, al Pala Ruffini, il musical spagnolo “Gracias Don Bosco”, il cui orario è stato anticipato per le ore 20.30 con diretta streaming.

E L’appuntamento è per domani, ultimo giorno a Torino, prima di spostarci tutti al Colle Don Bosco, laddove tutto ha avuto origine, per festeggiare San Giovanni Bosco.